Stampa
Categoria: Area USF (Università, Scuola e Famiglia)
Visite: 1001

Oggi, venerdì 01 febbraio 2019, il Consiglio Regionale ENS E-R si è presenziato all'incontro in sede della Regione Emilia-Romagna, per trarre spunti, rilfessioni e confronti sul ruolo professionale dell'Assistente alla Comunicazione ed all'Autonomia per i Sordi e studenti disabili.

Era presente il Presidente del CR ENS E-R, Geom. Giuseppe Varricchio, accompagnato dal proprio collaboratore e consulente esperto in materia, il Prof. Massimiliano Bucca, che ha anche rappresentato anche l'Area USF (Università, Scuola e Famiglia) del CR ENS E-R,ed affiancato dall'interprete LIS, Sig.ra Giulia, oltre la Dirigente Qualifiche, Formazione e Certificazione delle Competenze (SRFC) della Regione Emilia-Romagna, Dott.ssa Patrizia Vaccari, affiancata dalla collega Dott.ssa Rossana Rinaldi.

Lo scopo dell'incontro è stato quello di dialogare sul profilo professionale dell'Assistente alla Comunicazione ed all'Autonomia per i Sordi e per gli altri studenti disabili in Emilia-Romagna, sulla sua formazione e certificazione delle competenze e sulla regolamentazione relativa all'assunzione al lavoro da parte degli enti locali e delle cooperative.

E' stato un dialogo costruttivo vocato dall'analisi della situazione nazionale e regionale ed alla ricerca di proproste nper migliorare il servizio scolastico in favore degli studenti sordi e disabili.

Molti spunti di riflessioni emersi e di studio per un servizio non ancora normato a livello nazionale, cosa che determina molte differenti interpretazioni sul ruolo e le competenze da Regione a Regione e, anche, da Comune a Comune.

L'area USF del CR ENS E-R, organizzerà un convegno per affrontare anche questo tema, il 4 marzo p.v. a Bologna (prossimamente seguiranno aggiornamenti al riguardo).

Il Consiglio Regionale ENS Emilia-Romagna

Foto dell'incontro di oggi 01.02.2019 - 640.jpg

Da sx: l'interprete LIS, Sig.ra Giulia, il Presidente del CR ENS E-R, Varricchio Giuseppe, la Dott.ssa Patrizia Vaccari, Dott.ssa Rossana Rinaldi e il Prof. Massimiliano Bucca