Immagine testata sito web CR ENS E R

Il Consiglio Regionale ENS Emilia-Romagna, comunica che, a seguito dell’ordinanza (la prima delle tre) firmata dal ministro della Salute, On.Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia nazionale relativi all’andamento del contagio (ancora in forte rialzo), da oggi lunedì 15 marzo 2021, tutta l'Emilia-Romagna è in zona ROSSA per una durata di n. 15 giorni.

Si estende così a tutte le province dell’Emilia-Romagna il colore in cui si trovavano già, per effetto delle precedenti ordinanze regionali adottate per fermare la diffusione del virus e proteggere la rete ospedaliera, la Città Metropolitana di Bologna e le province di Modena, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini.

L’ingresso nella fascia di rischio più alto comporta, in tutto il territorio regionale, la didattica a distanza al 100% per le scuole di ogni ordine e grado fino all’Università, la chiusura di asili nido e materne e le limitazioni sugli spostamenti – se non per motivi di lavoro, salute o necessità – anche all’interno del proprio Comune, insieme al divieto di fare visite a parenti e amici. E poi, ancora, stop alle attività commerciali ad eccezione di quelle essenziali come farmacie, parafarmacie, negozi di vendita di alimentari, edicole e altre specifiche categorie, e chiusura delle attività di servizi alla persona, come parrucchieri e barbieri.

Incolliamo qui sotto una tabella riepilogativa dei divieti e regole che sono scattate da oggi e sono valide per tutte le zone ROSSE.

lazio_zona_rossa.jpg

Raccomandiamo, in ogni caso e circostanza, di adottare ed applicare le norme già introdotte e seguire sempre le disposizioni impartite dalle autorità sanitarie.

Il Consiglio Regionale ENS Emilia-Romagna